• BARRA 1300X140 – YOUTUBE SICILIA TV
  • 1300×175 CONDRES OS sistema operativo scarnà




Gessica, scritte anonime sui muri di Favara: i carabinieri si concentrano su due personeSTIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Servizio

Stamattina Favara si sveglia con un chiaro messaggio. Il pensiero è andato subito a Gessica Lattuca, la donna scomparsa da Favara dallo scorso 12 agosto. In questa scritta si legge un nome.  I carabinieri sono già al lavoro.

 

Sono ore concitate per i carabinieri della Tenenza di Favara. Stanno sentendo persone e investigando dopo la comparsa di una scritta anonima su qualche muro all’uscita di Favara, zona Crocca. In questa scritta si legge un nome e un cognome e poi si continua con “= Assassino Gessica”.

Chiaro che il pensiero di molti, compresi familiari, forze dell’ordine e giornalisti, è subito andato alla 27enne favarese, mamma di 4 figli. Da due mesi e mezzo infatti le cronache parlano giornalmente della povera Gessica Lattuca, di cui non si hanno più notizie dallo scorso 12 agosto.

 

Non si sa né chi, né quando siano state scritte, probabilmente nella notte. Sembra però un chiaro messaggio, segnato con una bomboletta spray di colore rosso, che vorrebbe indirizzare gli inquirenti su una certa strada. È compito adesso dei carabinieri investigare e capire di più su questa vicenda, se ci possa essere un collegamento con la scomparsa di Gessica oppure no, e in tal caso se sia solamente un modo per depistare le indagini o incolpare qualcuno. Non si esclude neanche possa trattarsi di una bravata.

Sul luogo del ritrovamento delle scritte si sono portati i carabinieri della locale Tenenza con il comandante Giovanni Casamassima che hanno avviato fin da subito le attività di indagine. Sarebbero due le persone che sono state già individuate come riconducibili a quel messaggio.

Presenti alla Crocca anche i familiari di Gessica, il fratello Enzo e la mamma Giuseppina. Quest’ultima, intervistata dall’inviata de “La Vita in diretta”, ha rilasciato alcune dichiarazioni e lanciato un appello.

Nel tg l’intervista a Giuseppina Caramanno.

Condividi articolo

Commenta articolo



error: Contenuto protetto