• banner1
  • banner




Botti, petardi e fuoco nell’agrigentino per Capodanno: 4 feriti e 3 roghiSTIMA TEMPO DI LETTURA: 1 min



Almeno quattro nell’agrigentino i feriti da botti fatti esplodere durante la notte di San Silvestro o nelle ore successive. Tre agrigentini, due a Licata e uno a Palma di Montechiaro, tutti maggiorenni, sono finiti all’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” di Licata.

Pare che nessuno sia in pericolo di vita. Nel caso dei due feriti a Licata, a questi sarebbero state diagnosticate lesioni e bruciature alle mani abbastanza importanti, ma con una prognosi inferiore ai 40 giorni. La persona ferita a Palma di Montechiaro, invece, è stata dimessa dopo i controlli e le medicazioni dei sanitari.Risultati immagini per petardo

Inoltre, nella tarda mattinata di ieri, un 19enne del Gambia si è recato presso l’ospedale di Ribera con una ferita alla mano provocata dallo scoppio di un petardo, giudicata guaribile in circa 30 giorni. La ferita, però, sembrerebbe essere molto profonda e dunque il 19enne sarebbe stato trasferito all’ospedale “Civico” di Palermo.

Intanto nella notte tra il 31 del 2018 e l’1 del 2019 i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per estinguere degli incendi. Uno avrebbe interessato un cassonetto a Licata, un altro si sarebbe sviluppato in un casolare disabitato di via Caldara, a Siculiana, e un terzo ha interessato una struttura fatiscente e disabitata di via Reale, a Favara.

Da capire, in tutti e tre i casi, come siano partite le fiamme. Non si esclude che la scintilla possa essere stata innescata dallo scoppio di qualche petardo. Spetterà alle indagini delle forze dell’ordine far luce in merito.

Condividi articolo

Commenta articolo

Pubblicità