• BARRA 1300X140 – YOUTUBE SICILIA TV
  • 1300×175 CONDRES OS sistema operativo scarnà




A Favara il panorama notturno si gode in compagnia della spazzaturaSTIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Servizio

A Favara il panorama notturno si gode in compagnia della spazzatura, purtroppo. È il caso registrato domenica sera in via De Gasperi.

La città di Favara ha le sue bellezze e le sue attrattive. Davvero tanti sono stati nel tempo gli sforzi da parte di tutti, privati, aziende e amministrazione, nel cercare di mostrare una immagine positiva della città al fine di attrarre turisti stranieri, italiani e siciliani.

Peccato che purtroppo la domenica, giorno che coincide con quello nel quale ci si sposta più facilmente, quando quindi è più facile che arrivino turisti, molti dei luoghi di possibile visita sono chiusi al pubblico, vedi il castello Chiaramonte.

Favara è bella non solo di giorno ma anche di notte. Il panorama offerto è incantevole. Due le vedute della città più frequenti: il panorama visto da piazza San Francesco e quello offerto da via De Gasperi.

Peccato che a fare da cornice nelle vie cittadine ci siano cumuli di spazzatura in discariche abusive.

In via De Gasperi, ad esempio, domenica sera, c’era un bel cumulo di spazzatura a deturpare la vista del panorama cittadino offerto. È una cosa consueta, ci hanno detto in tanti.

Ma è possibile ciò? È possibile che incivili si disfino della loro spazzatura in questi modi?

Domenica sera era illuminata la chiesa di San Calogero, la chiesa madre, la zona della villetta di via Dei Mille, ma a fare compagnia a chi era in via De Gasperi a godersi il panorama e le bellezze della città c’erano grossi sacchi di spazzatura a terra, flaconi di detersivo e un continuo passaggio di cani e gatti in cerca di cibo.

D’altra parte, a Favara, tutto è concesso. Non c’è nessuno che vigila. Ad Agrigento sarebbero già arrivate le multe. Nella città dell’agnello pasquale, di contro, l‘elevazione delle multe sono un caso raro, anzi rarissimo, e quando queste vengono fatte si grida al “miracolo”.

Purtroppo, il tanto desiderato cambiamento tarda ad arrivare!

Condividi articolo

Commenta articolo