www.siciliatv.org

Titolo: Marrone eroe dimenticato
Data: 16/03/2004
Inserita alle ore:
Questa news è stata letta: 2532 volte
News inserita da: Arch. Carmelo Antinoro
Fonte: www.siciliatv.org



News: Constatiamo con piacere che a cura di F Giannantoni e I. Paolucci, entrambi lombardi, è stata pubblicata una biografia dall’emblematico titolo “Un eroe dimenticato”, riferentesi al favarese Calogero Marrone. Calogero Marrone negli anni “20 del secolo scorso era addetto all’ufficio passaporti e all’anagrafe bestiame, come dipendente del comune di Favara.
Per disavventure di natura politica, come raccontato nel libro biografico, dovette trasferirsi a Varese, per assumere in quella città le funzioni di applicato comunale, per venire qualche anno dopo, promosso capo dell’Ufficio Anagrafe del comune.
In quella sua qualità, incurante del pericolo cui andava incontro, rilasciò centinaia di documenti d’identità falsi ad ebrei ed antifascisti, salvandoli così dalla repressione nazifascista. Tradito da un delatore, venne arrestato e tradotto nel campo di Sterminio di Dachau, dove scomparve tra indicibili sofferenze fisiche e morali. Questi , in grande sintesi i motivi che hanno indotto i due autori a pubblicare il volume dedicato a Calogero Marrone.

Quanto detto ovviamente dovrebbe inorgoglire gli animi dei favaresi ed onorare, allo stesso modo, il ricordo di diversi altri favaresi, che pur perseguitati per attività antifasciste sono caduti nell’oblìo più totale.

Nulla togliendo alla statura morale del Marrone, sarebbe stato giusto che nello stesso volume fossero state evidenziate le accuse risultate inconsistenti, mosse a carico del Marrone dalle Autorità del tempo che ne hanno tracciano un profilo, non soltanto politico, tutt’altro che edificante.
Il Marrone infatti venne accusato e rinviato a giudizio come contiguo all’azione mafiosa dei “Cudi chiatti”, in quel tempo imperante a Favara. L’accusa, infatti, evidenziava che il Marrone favoriva quei mafiosi, rilasciandogli certificati falsi per il bestiame di provenienza sospetta e per facilitare il rilascio di passaporti falsi, per favorire l'espatrio di persone in debito con la giustizia. Per questo ed altri motivi il Marrone venne rinviato a giudizio ed assolto per insufficienza di prove.
Quanto sopra per dovere di completezza d’informazione e nella considerazione che la storia dev’essere necessariamente ricostruita soprattutto attraverso i documenti. .
Dott. Calogero Castronovo
www.favara.biz geneo storia favara


 Invia la news 
Tua e-mail:
E-mail amico :