www.siciliatv.org

Titolo: Tarsu. Rubrica '' La Voce del Cittadino ''
Data: 13/07/2010
Inserita alle ore: 14.18.06
Questa news è stata letta: 421 volte
News inserita da: Angela Sorce
Fonte: www.siciliatv.org



.:: LA VOCE DEL CITTADINO ::.

News: E si rinnova l’appuntamento con la nostra rubrica “LA VOCE DEL CITTADINO”. Oggi parliamo delle ultime bollette Tarsu che sono state fatte recapitare nelle case degli abitanti di Favara. A rivolgersi alla nostra redazione è un commerciante favarese, Maximilian Centineo che tramite una e-mail inviataci ci segnala, secondo il suo parere, delle incongruenze nelle modalità di calcolo relative alle bollette sui rifiuti. Centineo ci scrive che attualmente è in possesso della compostiera che lo stesso aveva richiesto nello scorso mese di novembre. Come ricorderete anche attraverso uno spot televisivo andato in onda sulla nostra emittente e più volte annunciato dall’amministrazione comunale, per chi aderiva al progetto adotta una compostiera, era previsto un sconto sull’importo della tassa di circa il 10%. Attualmente, ci dice Centineo, sull'allegato dettaglio della mia utenza non risulta tale riduzione. L’attento cittadino si pone anche un’altra questione riguardante le riduzioni previste per chi differenzia i rifiuti conferendoli nell’ecopunto. Considerando che la bolletta del 2010 che nei giorni scorsi è stata recapitata nelle case dei contribuenti favaresi, Centineo si chiede, perché non inviare i cedolini di pagamento a conclusione dell’anno calcolando la fattura al 31 gennaio 2010? . La questione sollevata dal nostro telespettatore, non e' un caso isolato. Infatti alla nostra redazione sono arrivate diverse chiamate di contribuenti che vogliono sapere dal sindaco Russello, che fine ha fatto lo sconto promesso? Un’altra preoccupazione espressa e' quella inerente alla presunta mancanza di un regolamento comunale che stabilisce il tariffario in base alla quantità di materiale di rifiuto differenziato. I prezzi che attualmente sono esposti all’eco punto, sarebbero indicativi. Questa problematica che sta sorgendo a Favara si sta verificato anche in altri centri di competenza di Ato Gesa Ag2.




 Invia la news 
Tua e-mail:
E-mail amico :