www.siciliatv.org

Titolo: Tragedia delle Maccalube. L'inchiesta potrebbe allargarsi
Data: 14/11/2017
Inserita alle ore: 10:33:53
Questa news è stata letta: 182 volte
News inserita da: Redazione Giornalistica
Fonte: www.siciliatv.org




Nonostante il susseguirsi dei capitoli giudiziari al tribunale di Agrigento, la vicenda sembra ancora lontana dal giungere a una conclusione e anzi potrebbe allargarsi. Parliamo dell'inchiesta riguardante la tragedia delle Maccalube, quando a perdere la vita furono i fratellini Carmelo e Laura Mulone. Ieri il pm Carlo Cinque ha chiesto al giudice di trasmettere gli atti alla Procura ''per valutare se ci sono altri profili di responsabilità''.

News: Era il 27 settembre del 2014 quando, travolti da tonnellate di fango a seguito della straordinaria attività dei vulcanelli del sito aragonese delle Maccalube, a perdere la vita furono i fratellini Carmelo e Laura Mulone, di 9 e 7 anni, figli dell'appuntato dell'Arma dei Carabinieri Rosario. Adesso, dopo più di tre anni, l'inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica di Agrigento potrebbe allargarsi a ulteriori indagini.

A far presagire l'apertura a questa possibilità lo stesso pubblico ministero Carlo Cinque che ieri, al termine di una udienza nella quale sono stati ascoltati alcuni testi della difesa, ha chiesto al giudice Giancarlo Caruso di trasmettere gli atti alla Procura per ''valutare se ci sono altri profili di responsabilità''.

Particolari le dichiarazioni rilasciate ieri da un funzionario della Regione, Loredana Oliveri. Sarebbe emerso che il consiglio regionale che si occupa di parchi e riserve, il quale dovrebbe anche esprimere pareri circa la sicurezza di questi, per circa tre anni e fino al momento della tragedia non fu praticamente operativo per varie ragioni, dall'aggiunta di altre competenze attribuite al consiglio al continuo cambio degli assessori che non avrebbe garantito continuità ai lavori.

Insomma, per un motivo o per un altro, pare che non sarebbe giunto nessun parere, nessuna ispezione o nessuna delibera circa la riserva di Aragona. Intanto il tempo passava, fino a giungere a quel fatidico 27 settembre 2014 e alla morte dei due bambini.

Dalla richiesta del pm, giunta appunto al termine dell'udienza, sembra dunque che lo stesso voglia accertare se ci siano altre responsabilità sulla vicenda che al momento vede già tre imputati.



In breve le news del 24/04/2018

Ati. Convocata una seduta per la risoluzione del contratto con Girgenti Acque
Il video

Canicattì. Omicidio Vinci, l'imputato: ''Non è stato premeditato''
Il video

Stalking e maltrattamenti in famiglia. In Appello ridotta pena per un palmese

Si continua a cercare Giuseppe Gulli. Ricerche anche dal cielo con un elicottero

Licata. A fuoco un'auto. Si indaga

''Tentato furto in un chiosco'', guai per due giovanissimi

Ravanusa, auto rubata. Madre e figlio arrestati

Incidenti stradali nell'agrigentino: sei auto coinvolte e cinque persone al pronto soccorso

Differenziata a Favara: bilancio positivo. Arriva adesso l'invito per le giornate di festa
Il video

Canicattì, lunedì uffici chiusi per disinfestazione. Rinviati invece quelli della Cittadella della Salute di Agrigento

Agrigento domani ospiterà il XXI Capitolo Francescano dei Giovani di Sicilia

73° Anniversario della Liberazione d'Italia, domani la celebrazione a Santo Stefano Quisquina

Favara, domani l'inaugurazione della stele restaurata dedicata a partigiani e antifascisti favaresi

News a cura della testata giornalistica "SICILIA TV NOTIZIARIO",
registrata al Tribunale di Agrigento da TELE VIDEO SICILIA FAVARA Soc. Coop.
Iscrizione n.185 del 20 ottobre 1990
Direttore di testata: Calogero Sorce

La redazione resta a disposizione di chiunque voglia aggiungere informazioni o esercitare il proprio diritto di rettifica e replica, rispetto agli articoli pubblicati.