www.siciliatv.org

Titolo: Estorsione, arrestato candidato M5S alle regionali: si tratta di Fabrizio La Gaipa
Data: 14/11/2017
Inserita alle ore: 09:54:29
Questa news è stata letta: 513 volte
News inserita da: Redazione Giornalistica
Fonte: www.siciliatv.org




Non si ferma la serie di scandali che, all'indomani delle regionali siciliane del 5 novembre, coinvolgono giuridicamente e penalmente i partecipanti alle stesse elezioni. Alla ''lista'' si aggiunge ora l'imprenditore agrigentino Fabrizio La Gaipa, primo dei non eletti del Movimento 5 Stelle, arrestato stamane con l'accusa di estorsione a danno di due suoi dipendenti.

News: Ennesimo scandalo politico a distanza di poco più di una settimana dalle votazioni regionali che all'inizio di questo mese hanno definito il nuovo assetto dell'Assemblea Regionale Siciliana.

A finire in manette l'imprenditore agrigentino Fabrizio La Gaipa, di ''fede'' grillina. Il 42enne è stato arrestato dalla Squadra Mobile di Agrigento con l'accusa di estorsione.

L'imprenditore, con un passato da giornalista e scrittore, ha partecipato attivamente alle ultime regionali come candidato deputato nella lista provinciale agrigentina del Movimento 5 Stelle, risultando essere il terzo uomo forte tra i candidati dell'agrigentino. Con 4.357 voti Fabrizio La Gaipa ha sfiorato un posto all'Ars e si è classificato come il primo dei non eletti, dietro ai neo deputati pentastellati Matteo Mangiacavallo e Giovanni Di Caro. Le candidature di La Gaipa e degli altri sei grillini agrigentini in corsa all'Assemblea Regionale Siciliana era stata supportata anche dai ''big'' nazionali del partito, Di Maio e Di Battista, oltre che dal candidato governatore Giancarlo Cancelleri.

L'arresto, con la misura cautelare dei domiciliari, è scattato questa mattina. I poliziotti guidati da Giovanni Minardi hanno eseguito il provvedimento disposto da Stefano Zammuto, Gip del Tribunale di Agrigento, su richiesta della locale Procura della Repubblica. A condurre l'inchiesta il sostituto Carlo Cinque, a coordinarla il procuratore capo Luigi Patronaggio. Sembra che il fascicolo d'inchiesta sia stato aperto qualche mese fa, a seguito di diversi esposti presentati dalle presunte vittime della vicenda.

L'accusa della Procura riguarda l'attività imprenditoriale di La Gaipa, titolare di un hotel di San Leone. L'azione degli inquirenti avrebbe preso origine da due dipendenti dell'imprenditore che lo avrebbero denunciato per avere percepito stipendi molto inferiori rispetto a quanto indicato in busta paga. Secondo quanto riportato da altri organi di informazione, i due dipendenti sarebbero stati costretti a firmare false buste paga.

Le indagini della Squadra Mobile, che si sarebbe avvalsa di intercettazioni e testimonianze, si sono concentrate proprio sulla regolarità dei contratti di lavoro, su quanto dichiarato e su quanto effettivamente percepito dai lavoratori. Attività investigativa dalla quale è poi sorta l'ipotesi di estorsione.

Al momento non c'è nulla di confermato, ma pare che le prove alla base dell'accusa possano contare su riscontri documentali ed audio forniti dagli stessi due dipendenti dell'hotel gestito da La Gaipa. Tra questi potrebbe esserci una registrazione fatta di nascosto con il telefonino, un file audio nel quale si farebbe riferimento a soldi da restituire e a buste paga da firmare.

Nell'ambito della stessa inchiesta sarebbe coinvolto anche il fratello di Fabrizio La Gaipa, Salvatore, per il quale è scattata la misura del divieto di dimora nella città di Agrigento.



In breve le news del 20/11/2017

Porto Empedocle. Un vero e proprio disastro ambientale al torrente Re. La segnalazione di MareAmico

''Evasione Fiscale''. Revocati i domiciliari per il neo deputato regionale Cateno De Luca

Favara, Lillo Sorce nominato pastore dalla locale Chiesa Evangelica Internazionale

Torture, violenze, omicidio. Fermato il nigeriano Deji Gift

SS 640, auto invade corsia opposta e si ribalta: cinque feriti

Eccellenza Sicilia. Castelbuono - Pro Favara rinviata per impraticabilità di campo

Licata, auto finisce in un burrone e si incendia. 47enne gravemente ferito. In ospedale anche due carabinieri

Pallacanestro. La Fortitudo cade in casa contro Biella, 82 a 74 per gli ospiti

Ribera, furti in appartamenti e aziende. Tre arresti

Legalità. Gli alunni dell'I.C. ''Mario Rapisardi'' di Canicattì oggi a Reggio Calabria

Proiettili davanti alla saracinesca di una pizzeria. Minacce di estorsione o cosa?

News a cura della testata giornalistica "SICILIA TV NOTIZIARIO",
registrata al Tribunale di Agrigento da TELE VIDEO SICILIA FAVARA Soc. Coop.
Iscrizione n.185 del 20 ottobre 1990
Direttore di testata: Calogero Sorce

La redazione resta a disposizione di chiunque voglia aggiungere informazioni o esercitare il proprio diritto di rettifica e replica, rispetto agli articoli pubblicati.