www.siciliatv.org

Titolo: Ricorre oggi il quarto anno dalla tragedia dove persero la vita oltre 380 migranti
Data: 03/10/2017
Inserita alle ore: 11:42:23
Questa news è stata letta: 414 volte
News inserita da: Angela Sorce
Fonte: www.siciliatv.org




Si celebra oggi la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione. La si celebra nel giorno in cui si consumò una delle più gravi stragi di migranti avvenuta nel Canale di Sicilia e che è costata la vita a 386 persone che su una ''carretta'' del mare speravano una vita migliore.

News: Era l'1 ottobre del 2013 quando un peschereccio lungo circa 20 metri era salpato dal porto libico di Misurata con a bordo migranti di origine africana provenienti dall'Eritrea.
Dopo due giorni, ovvero il 3 ottobre del 2013, l'imbarcazione era giunta a circa mezzo miglio dalle coste lampedusane, poco lontano dall'Isola dei Conigli, quando qualcuno, si dice l'assistente del capitano, avrebbe gettato a terra una torcia infuocata, che è caduta in mezzo alla gente, in una pozza di gasolio. Ecco divampare in pochi minuti un vasto incendio; il peschereccio inizia a imbarcare acqua, sino a colare a picco.

Quel 3 ottobre del 2013 si consumò una delle più gravi stragi di migranti avvenuta nel Canale di Sicilia e costata la vita a 386 persone che su una ''carretta'' del mare speravano una vita migliore.

Sono passati 4 anni da quel tragico giorno e proprio in occasione dell'anniversario sono arrivati a Lampedusa studenti da tutta Italia, ma anche da Austria, Francia, Malta e Spagna. 200 studenti, nell'ambito del progetto ''L'Europa inizia a Lampedusa'', da sabato scorso sono sulla più grande isola delle Pelagie per confrontarsi e approfondire i temi dell'immigrazione, dell'integrazione e dei diritti dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

Quest'anno insieme ai ragazzi anche il presidente del Senato Pietro Grasso e la ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli. Il progetto, al suo secondo anno, è promosso dal Miur, in collaborazione con il Comitato 3 ottobre, ed è reso possibile grazie all'impegno del Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (Fami) gestito dal Ministero dell'Interno.

Da piazza Castello è partita la marcia che è arrivata fino al monumento Porta d'Europa. Presenti anche i migranti sopravvissuti al naufragio.

Con loro, oltre a Grasso e Fedeli, anche il delegato dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati per il Sud Europa Stephane Jaquemet e il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello.

Davanti alla Porta d'Europa si è celebrato anche un momento di raccoglimento con padre Mussie Zerai e l'arcivescovo di Agrigento Francesco Montenegro. A chiudere la commemorazione in mare a bordo delle motovedette della Guardia Costiera e delle barche dei pescatori di Lampedusa.

Una cosa è certa. Il 3 ottobre è un giorno di riflessione ma il ricordo, così come sostenuto dal sindaco di Lampedusa Totò Martello, ''deve anche servire per non rivivere e ripetere gli errori del passato''.



In breve le news del 18/08/2018
News e informazioni a cura della testata giornalistica "SICILIA TV NOTIZIARIO",
registrata al Tribunale di Agrigento da TELE VIDEO SICILIA FAVARA Soc. Coop.
Iscrizione n.185 del 20 ottobre 1990
Direttore di testata: Calogero Sorce

La redazione resta a disposizione di chiunque voglia aggiungere informazioni o esercitare il proprio diritto di rettifica e replica, rispetto agli articoli pubblicati.
Per ulteriori info: https://protezionedatipersonali.it/privacy-e-giornalismo