www.siciliatv.org

Titolo: Trasferimento del Tribunale di Licata ad Agrigento.
Data: 23/05/2012
Inserita alle ore: 00.00.01
Questa news è stata letta: 311 volte
News inserita da: Redazione Giornalistica
Fonte: www.siciliatv.org


Chiuso il Tribunale di Licata per inagibilità dei locali. Al momento gli uffici si sono trasferiti ad Agrigento. La dislocazione ha causato disagi, proprio per questo il Presidente dell'ordine degli avvocati di Agrigento Gaziano ha incontrato gli amministratori licatesi. Intanto per Buscemi della CGIL FP la chiusura del Tribunale di Licata è l’ennesimo atto di disamore verso questa importante città da parte dell’Amministrazione comunale Graci.

News: Carenze strutturali al tribunale di Licata, l’edificio chiude per inagibilità, il Comune dovrà provvedere al ripristino delle condizioni di sicurezza dell’immobile. Le attività giudiziarie sono state momentaneamente trasferite ad Agrigento. Intanto il Ministero della Giustizia ha nominato una commissione ispettiva di cui fanno parte, il presidente del tribunale di Agrigento Luigi D’Angelo, il procuratore Renato Di Natale, il cancelliere Santo Ippolito e l’avvocato Giuseppe Peritore.
Ed in seguito ai disagi causati dalla Chiusura del Tribunale di Licata, Nino Gaziano, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Agrigento ha voluto incontrare gli amministratori della Città del Faro per discutere sui tempi di intervento. Intanto sulla questione interviene anche il segretario provinciale della FP CGIL di Agrigento, Alfonso Buscemi che in una nota dichiara:” La chiusura del Tribunale di Licata, con relativo trasferimento ad Agrigento, è l’ennesimo atto di disamore verso questa importante città da parte dell’Amministrazione comunale Graci. A dirlo è il segretario Generale FP CGIL Alfonso Buscemi. La struttura, che ospitava il Palazzo di Giustizia –dice Buscemi- è stata dichiarata inagibile a causa dell’infiltrazione dell’acqua. Il Comune, proprietario dell’immobile, non ha mosso un dito. Dunque ci sono grosse responsabilità perché siamo di fronte, oltre ad un simbolo di contrasto alla criminalità diffusa, ad una vicenda che inciderà molto e pesantemente in negativo per l’economia licatese.




 Invia la news 
Tua e-mail:
E-mail amico :